Amazon è davvero imparziale ?

amzon imparziale ?

Nell’ultimo mese Amazon, ha fatto ancora pulizia tra i recensori, sicuramente nei tanti espulsi ci sono recensori che non hanno rispettato le linee guida, ma di sicuro ci sono recensori che pur non rispettando le linee guida, inutili hanno sempre fatto delle recensioni in modo del tutto imparziale e oneste.

Tra i caduti illustri sicuramente la caduta dell’ex numero 2 della classifica e membro Wine Diego Campy ha fatto clamore, anche perché lui per primo si è sempre eletto a paladino delle regole Amazon, consigliando a tutti di seguire attentamente le regole, evidentemente anche lui secondo Amazon ha commesso qualche errore.

 

Ma Amazon è davvero Imparziale e segue le sue regole alla lettera?

Ricordiamo che Amazon nelle inutili linee guida scrive:

Ogni tentativo di influenzare o manipolare le recensioni è proibito. È proibito condizionare l’accesso a vantaggi o benefici alla scrittura di una recensione o al suo contenuto. Alcuni esempi di vantaggi o benefici: promesse di prodotti gratis o a prezzo scontato, iscrizione continuativa a un programma o club, rimborsi in forma di denaro o buoni regalo, accesso a concorsi a premi, contenuto digitale gratuito o accreditamenti per ottenerlo, punteggi o valutazioni che potrebbero permettere al beneficiario di ottenere altri vantaggi.Estratto dal sito Amazon

Se così fosse forse il 50% dei recensori presenti in classifica andrebbe bannata, invece alcuni vengono bannati mentre altri che hanno anche gli stessi prodotti recensiti sono ancora presenti, con questo non voglio che Amazon banni altri recensori, ma che si ravveda su un regolamento inutile a cui ad oggi non ha trovato soluzione. I recensori seriali bannati il giorno dopo aprono subito un altro account  e continuano a fare quello che facevano prima quindi Amazon non risolve nulla.

 

Autore dell'articolo: Fabrizio