Pettorina per cani traspirante Morpilot

header pettorina

Dopo aver recensito il guinzaglio oggi vi parlo della Pettorina o imbracatura per cani prodotta dalla Morpilot.

E’ realizzato in materiale oxford traspirante resistente e antigraffio, cinturini in nylon e fibbie di sicurezza con grande capacità di carico, in grado di sopportare il forte impatto dei cani

Design ergonomico per un facile trasporto e rimozione. Leggera fodera in mesh e morbida spugna imbottita sul torace e sullo stomaco per una buona distribuzione del carico per un’usura comoda e prolungata. Il design complessivo si adatta comodamente alla parte posteriore del cane

Presenta caratteristiche di sicurezza come la fettuccia in nylon con materiale riflettente 3M per una buona visibilità notturna e un robusto anello di sicurezza per fissare il tuo cane alla tua auto in movimento.

taglia_pettorina

Disponibile in due misure , vi consiglio di misurare bene il vostro cane altrimenti vi ritrovate con un prodotto che non si adatta bene al cane e quindi non viene usato nei migliori dei modi.

pettorina_dettagli

Considerazioni finali

La pettorina, è fatta con ottimi materiali, la leggera imbottitura permette il giusto confort al vostro cane. nella parte inferiore è presente un pratico gancio che permette il trasporto in auto in assoluta sicurezza, serve un guinzaglio per auto.

Sulla parte superiore il cancio per il guinzaglio è anche una pratica maniglia per tenere il vostro cane oppure per sollevarlo da terra.

gli attacchi rapidi sono di buona qualità, ottima anche la soluzione riflettente ottima di sera per far vedere il vostro cane nelle zone poco illuminate.

Con la pettorina arriva in regalo anche una comoda ciotola in silicone con moschettone quindi si può agganciare al guinzaglio senza dare fastidio.

#RankBoosterReview #Sponsorizzata #Morpilot

Pettorina per cani traspirante Morpilot

15,99
9.2

Qualità costruttiva

9.8/10

Praticità

9.1/10

Sicurezza

8.6/10

Giudizio personale

9.3/10

Pregi

  • Materiale usato ottimo
  • Striscia riflettente

Autore dell'articolo: Fabrizio